Il mio peggior miglior paziente.


Questa storia è bella e va raccontata per come è.
Arriva Mauro a studio. Tassista. Età 56 anni. Non gli davo un soldo di fiducia, come a tutti i miei migliori pazienti. Le apparenze e l’esperienza spesso ingannano. Si ottengono risultati eccellenti proprio da chi non ce li aspettiamo.
La prima visita è stata semplice: “voglio dimagrire 20 o 30 kg per poi rimangiare e ingrassarmi”. Vi giuro che ad oggi (29 Gennaio 2017) è la prima volta che ho sentito questa frase. Ne ho sentite tante, ma questa mi mancava.
Io la mia parte l’ho fatta, ma lui era deciso, era convinto.
Ora vi posto il grafico del peso per illustrare e commentare i risultati e per spiegare la fine della storia.


Come potete vedere dopo poco più di un mese viene al controllo con 8kg di meno.

Io parto con la solita domanda: “come va?”

R.: “Come sempre”

D.: “stai meglio?”

R.: “Come prima”

Poi: “io continuo sempre a sognarmi i piatti di matriciana e di carbonara. Sono malato, che ci posso fare. A me questo piace.”

Io ho riprovato a fare la mia parte, ma alla fine la situazione era questa. Da qui gli diedi l’appellativo: “tu sei il mio peggior miglior paziente”.

Peggiore perchè voleva dimagrire per poi ringrassare, quindi non sarebbe stata una buona pubblicità. Migliore perchè non è da tutti perdere 8kg in un mese con la dieta che aveva.

Poi come vedete dall’immagine prosegue perdendo 3 o 5kg di media al mese. La situazione ai controlli rimane invariata, i discorsi sono sempre gli stessi.

Ad un certo punto alla visita di fine Agosto, quando siamo a 93 kg (-30 kg dall’inizio, 29 per i pignoli) mi dice che finalmente si vede dimagrito.

Aveva dei problemi di salute alcuni anche “problematici”. Li aveva risolti quasi tutti. Questo è stato l’imput che mancava. Non voleva più tornare come prima, non perchè non si piaceva grasso, ma perchè aveva raggiunto un nuovo livello di salute che non credeva possibile e aveva paura a tornare indietro.

Ora siamo quasi a -40 kg e i discorsi sono molto diversi. Nell’ultimo controllo mi ha chiesto: “cosa sono gli integratori alimentari?” Gli ho spiegato che a lui non servono niente e che sono una cosa che gli hanno propinato per spillargli qualche soldo. Però a parte la domanda e la risposta, la cosa importante è che lui sta iniziando ad interessarsi alla nutrizione, non vuole più tornare come prima ed ha trovato un suo equilibrio.

L’obiettivo è sotto gli 80 kg e mantenere. Ormai è fatta, la strada è in discesa. Vi ho voluto mostrare questa storia per farvi vedere che chiunque può raggiungere un traguardo impensabile, anche la persona dalla quale non ci si aspettano grandi cose.

Ora vi riporto anche gli ltri valori, perchè non ha avuto solo ottimi risultati con il peso, ma in tutta la ricomposizione corporea.

Come vedete il grasso passa da 55 kg a 17 kg.

 

 

 

 


Anche la massa muscolare non ha subito alcuna variazione e questo è il risultato più grande. Qualcuno potrebbe osannare che sia cresciuta e non di poco, però il primo valore è corretto scartarlo, perchè è inesatto (sono i limiti di questa metodica). A questo serve un professionista: ad interpretare anche i risultati ottenuti. Purtroppo a tanti pazienti smorzo gli entusiasmi. 🙂

 

 

L’angolo di fase è un parametro importantissimo, che magari spiegherò in un articolo a parte o in un video. Anche qui il risultato è stato molto buono. Le oscillazioni e anche la diminuzione dell’ultimo periodo sono normali. Ora non vi sto a spiegare cosa è successo in un anno, ma comunque questi valori rispecchiano perfettamente il percorso. E sono eccellenti considerando il soggetto.

 

 

 

 

 

 

Questi ultimi 2 grafici rappresentano l’acqua. Non aggiungo altro, tanto si commentano da soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *