Alcolismo

Cos’è l’alcolismo

L’alcolismo è una malattia di grande impatto sanitario e sociale. Vari fattori, soprattutto ambientali, culturali e genetici contribuiscono all’instaurarsi dell’alcolismo, poiché l’alcol induce dipendenza che puó variare da individuo ad individuo.
Si distinguono due tipi di alcolismo: alcolismo primario e alcolismo secondario.
L’alcolismo primario (quello che viene comunemente considerato alcolismo) e’ una malattia cronica caratterizzata da un’alterazione del comportamento indirizzata all’assunzione cronica di alcol.Esso é una vera e propria dipendenza da alcol.
L’alcolismo secondario consegue ad un’altra malattia psichica quale ad esempio la malattia maniaco-depressiva.

Effetti nurologici dell’alcol

L’alcol agisce direttamente sui neuroni: disaggrega la membrana plasmatica riducendo la funzione cellulare. Si ritiene che l’alcol aumenti la funzione del GABA ossia l’acido gamma-amminobutirrico, che è il principale amminoacido inibitorio del sistema nervoso centrale.
L’alcol aumenta il rilascio di dopamina a livello delle aree terminali dei neuroni dopaminergici.Rilascia anche sostanze oppioidi, ed ha proprietà anestetiche.

Intossicazione patologica (idiosincrasia alcolica)

La idiosincrasia è una patologia che si presenta in alcuni soggetti quando vengono in contatto con alcune sostanze che di solito non sono dannose. Questa patologia puó sfociare in un comportamento aggressivo, spesso associato a fenomeni psicopatici e criminali. L’attacco finisce con un sonno profondo e il soggetto non ricorda niente dell’accaduto. Mentre una persona alcolista è considerata responsabile, un individuo affetto da intossicazione patologica é da considerare malato quindi non responsabile.

Demenza alcolica e atrofia cerebrale

Si ha una progressiva perdita dell’integrità della persona dovuta all’uso dell’alcol. è la via finale comune di tutti gli alcolisti che non riescono a rinunciare all’alcol. I sintomi di questa patologia sono deliri e perdita della memoria, e il loro sopraggiungere è accelerato dall’insufficiente funzione epatica, tipica di questi pazienti.

Alcol e gravidanza: Sindrome alcolica fetale

La sindrome alcolica fetaleSAF, colpisce i bambini nati da madri alcolizzate. I bambini presentano:

  • Basso peso
  • Riduzione della circonferenza del capo
  • Ipoplasia mascellare
  • Labbro superiore sottile
  • Orientamento longitudinale dei dermatofogli palmari
  • Deformità delle dita
  • Alterazioni cardiache
  • Ritardo mentale
  • I neonati poppano con difficoltà, e dormono poco, sono irritabili e tremanti, i disturbi sembrano quelli dell’astinenza ma sono persistenti.

Le raccomandazioni per le donne in gravidanza sono la completa astinenza dall’alcol, poiché le cause della sindrome alcolica fetale non sono completamente ben spiegate, infatti non tutti i figli nati da madri alcoliste presenta questa sindrome, ma solo una minima parte.

La Malattia di Marchiafava e Bignami .

La Malattia di Marchiafava e Bignami (Degenerazione primaria del corpo calloso) deve il suo nome a due anatomopatologi italiani, che per primi descrissero una degenerazione della mielina delle fibre del corpo calloso con relativa conservazione degli assoni, in alcolisti maschi forti bevitori di vino rosso. Il corpo calloso appare incavato, rossastro, grigio-giallastro. In questi pazienti, vi era uno stato di demenza, apatia, spesso commettevano atti e reati a sfondo sessuale. Nei pazienti che ristabilivano un corretto equilibrio nutrizionale i sintomi neurologici e psichici regredivano, e solamente un susseguente esame anatatomopatologico ha consentito la diagnosi di sindrome di Marchiafava-Bignami. A causa della molteplicità del quadro clinico la diagnosi in vita e’ difficile. I pazienti di solito morivano per delirium tremens, convulsioni, tremori, coma.

Risorse web:

Condividi con chi vuoi

Lascia un commento