Gli integratori di omega 3 6 9 servono a qualcosa? 13


Integratore di omega 3 6 9Tempo fa venne da me un informatore e parlando il discorso andò verso gli omega 3.
Lui mi disse che avevano un prodotto molto superiore e che era uno dei migliori integratori in commercio. Poi quando me lo mostrò a me sembrava uno scherzo: l’integratore in questione era un integratore di omega 3 6 9. Ieri sera mi è tornato in mente e ho girovagato un po’ negli e-shop in internet ed ho visto che tantissimi siti commercializzano questo tipo di integratori e ci sono tantissime case farmaceutiche che li producono.
Vediamo un po’ se sono veramente utili. Non ripoto nomi commerciali per non pubblicizzare o screditare nessuno.
Allora per prima cosa andiamo ad analizzare le molecole presenti in questi integratori:

Omega 3

Sono l’acido eicosapentaenoico (EPA) e docosaesaenoico (DHA) e sono contenuti principalmente nell’olio di pesce. Sono dei grassi anti infiammatori e la loro funzione è importantissima per il nostro organismo in quanto sono implicati nel metabolismo degli eicosanoidi e la produzione di prostaglandine buone. Sono anche molto abbondanti nel cervello e della retina.

Omega 6

In genere sono dei grassi pro infiammatori, e sono contenuti in elevate quantità negli oli vegetali e nei grassi animali. Il tipo di omega 6 presente in questi integratori deriva dall’olio di borragine ricco in acido gamma linolenico (GLA). Questo particolare omega 6, una volta entrato nell’organismo forma l’acido diomogammalinolenico (DGLA), dal quale si formano delle prostaglandine: la PGE1 e trombossani: TXA1. Le PGE1hanno un ruolo importantissimo nella modulazione del sistema immunitario, mentre i TXA1 regolano l’azione proinfiammatoria dei trombossani TXA2.

Omega 9

Il più importante di questa serie è l’acido oleico, il componente più abbondante dell’olio di oliva (praticamente vi vendono un integratore di olio d’oliva). Dubito molto che in Italia ci siano persone che abbiano una carenza di olio d’oliva.

In commercio fino a poco tempo fa c’era un prodotto che aveva un rapporto tra Omega 3, Omega 6 e Omega 9 pari a 1:6:7, il migliore possibile per osservare gli effetti benefici degli acidi grassi insaturi e dei loro metaboliti attivi (secondo loro). Come potete ben capire questo era un integratore che apportava pochi più benefici che un cucchiaio di olio di oliva, ed infatti è stato tolto dal commercio, ossia l’azienda si è resa conto di ciò che era il prodotto ed ha fatto una bella cosa: l’ha riformulato e ci ha aggiunto riso rosso fermentato (una statina) e alcuni fitosteroli. Adesso diciamo che abbiamo lo stesso prodotto che è in grado di abbassare il colesterolo, ma questo non è dovuto tanto alla particolare composizione in acidi grassi omega 3 6 9, ma piuttosto alla presenza di statine.
Il mercato però ci offre anche altri prodotti: cioè integratori di omega 3 e 6. Questi prodotti contengono olio di pesce EPA + DHA e olio di borragine titolato in GLA. Questi prodotti sono molto migliori rispetto agli altri, in quanto interagiscono perfettamente nelle vie metaboliche degli eicosanoidi.

Conclusioni sugli integratori di omega 3, omega 6 e omega 9.

Concludendo quindi gli ntegratori di omega 3 6 9 sono bocciati (anche alcune ditte hanno tolto questa dicitura dal nome del prodotto), mentre gli integratori di omega 3 e 6 (EPA + DHA + GLA) sono promossi, però anche su di loro c’è da fare qualcheconsiderazione. In commercio si trovano integratori di omega3 ad elevate concentrazioni e molto puri a prezzi molto concorrenziali. Se non avete specifiche conoscenze e volete valutare un olio di pesce omega 3 potete affidarvi all’IFOS (International Fish Oil Standards), che analizza i principali oli di pesce in commercio e attribuisce delle stelline in base alla qualità. Quindi per concludere se uno vuole assumere un integratore di omega 3 (EPA + DHA) e omega 6 (GLA) secondo me al posto di affidarsi ai prodotti già completi è meglio se prende un integratore di olio di pesce di elevata qualità e un integratore di olio di borragine. In questo caso si avrebbe un prodotto di elevae qualità e un rapporto qualità prezzo molto speriore rispetto a quello che trovate nei normali integratori di omega 3 e omega 6.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 commenti su “Gli integratori di omega 3 6 9 servono a qualcosa?

  • Tritolino

    Pò si scrive con l’apostrofo, non con l’accento, perché è abbreviazione di “un poco”.
    Quanto a “un’integratore” etc, al maschile non si usa mai l’apostrofo con l’articolo indeterminativo.

  • Gaetano (PV)

    Tritolino scusa potrebbero essere semplici rifusi… cmq non voglio criticare nessuno.
    In compenso volevo chiedere al dott Gentili, cosa ne pensa di un prodotto che racchiude olio di pesce, di borragine e di semi di lino, è prodotto da una ditta che stimo molto viene chiamato Omega Mix riferendosi al fatto che ci sono sia i 3 che i 6 e i 9… non faccio il nome perchè non vorrei sembrasse pubblicità, i tre oli sono ognuno di quantità di 1300mg a dose giornaliera (composta da 3 perle di gelatina)

    • Massimo Gentili L'autore dell'articolo

      Mi scuso per l’ortografia.
      Per quanto riguarda invece il prodotto indicato anch’io stimo molto questa azienda e altre, ma a me qusti tipi di integratori non piacciono proprio.
      Basta prendere una capsula di olio di pesce e confrontare il contenuto medio di EPA e DHA (che sono gli omega 3 più importanti) contenuti in questi integratori.
      La differenza è tantissima.
      Del tipo io non vedo nessun buon rapporto qualità prezzo.
      C’è un punto che però gioca a loro favore: la presenza di olio di semi di lino e borragine.
      Ecco una bella soluzione: un’integrazione con olio di pesce, la mattina a colazione un cucchiaino di semi di lino (facendo attenzione a non consumarli per periodi troppo prolungati, stoppare di un paio di settimane ogni mese) o in alternativa un cucchiaino di olio di semi di lino (si conserva in frigo) e un integratore di olio di borragine nell’arco della giornata.
      Qualcuno potrà obbiettare che sono 2 integratori al posto di uno (il lino io lo considero un’ottima abitudine alimentare) ma i risultati saranno di gran lunga migliori e penso pure la spesa.
      Se sei un gran consumatore di questo prodotto, prova a cambiare ocme ti ho detto io e dimmi se trovi benefici: semi di lino, 1 capsula di olio di borragine e 2 di olio di pesce.
      Io la trovo una soluzione migliore e più economica.
      Inoltre vorrei sottolineare che l’olio di borragine è un’arma a doppio taglio, che se non è associato ad un’alimentazione adeguata da pre infiammatorio si trasforma a pro infiammatorio.

  • Sergio

    Salve dottore.
    Mi piacerebbe leggere la sua opinione a proposito della migliore assimilbilità degli epa-dha sotto forma di trigliceridi naturali (EG) rispetto agli esteri etilici (EE).

    Vorrei anche un parere sulla possibile concentrazione di mercurio ed altre sostanze tossiche che si possono trovare negli oli di pesce economici.

    Un’ultima cosa: cosa ne pensa dell’olio di krill?

    • Massimo Gentili L'autore dell'articolo

      Salve Sergio, sarò breve ma spero di rispondere alle domande.
      In teoria sono meglio Gli EG rispetto agli EE.
      Però poi se uno parla con un’azienda e con l’altra ognuno tira acqua al proprio mulino e di studi comparativi ce ne sono davvero pochi.
      Comunque per come la vedo io uno può provarli entrambi e continuare a prendere quelli con cui si trova meglio e se non nota differenze può prendere quello che costa meno.
      Per il discorso degli integratori economici: perchè risparmiare pochi euro quando i migliori integratori hanno prezzi molto concorrenziali, addirittura più bassi rispetto a tanti prodotti spazzatura?
      Olio di krill: vale la pena spendere tanto? Poi tra pesci e krill tra poco questi mari li spolpiamo tutti.
      Alternativa al krill: olio di pesce + astaxantina.
      Ora la faccio io una domanda: Olio di canapa?

      • cotrina nicolardi

        sono cotrina per cortesia vorrei sapere perchè la borraggine se non associato ad una alimentazione adeguata da pre si trasforma in pro infiammatorio ,,,,,che significa ,,,,io ho problemi di artrosi accentuata può dirmi se omega 3 6 9 mi fa bene,,,grazie

  • Elisa

    Gent.le dottore, ho riscontrato nelle mie analisi del sangue che il colesterolo totale è 244,HDL 67 e LDL 162, per questa ragione ho iniziato a prendere omega3 ,1 gr.al dì +Sduddivati, 2 pillole prima di andare a letto. Lei mi consiglierebbe l’assunzione di altri tipi di oli per riportare il mio colesterolo a valori ottimali?
    Grazie in anticipo,
    Elisa

    • Elisa

      Chiedo scusa, ho sbagliato a digitare il nome di questo prodotto che è: shuddivati…un prodotto ayurvedico!
      Cordialità,
      Elisa

    • Massimo Gentili L'autore dell'articolo

      Io sono almeno un paio di anni che non consiglio più integratori di omega 3, anzi li sconsiglio.
      Per quanto riguarda il suo problema, per prima cosa non c’è alcun problema con il colesterolo come si vede dalle analisi, poi se proprio uno volesse controllare il colesterolo meglio non stimolare troppo l’insulina che prendere strani integratori, oppure limitare grassi e colesterolo dalla dieta che non ha alcun senso.

  • Mario Conte

    D’ interessante quanto scritto ma sarebbe molto interessante sopratutto sapere quale e’ il giusto rapporto di quantità tra omega 3 e omega 6 (mg. di GLA).

    • Massimo Gentili L'autore dell'articolo

      L’articolo è vecchio. Ora ho cambiato molto la visione su tale argomento.
      Per me l’ideale sarebbe evitare in ogni modo l’assunzione di omega 3 e 6, così da evitare ogni danno infiammatorio e mantenere una migliore condizione di salute.